• Dal nostro Direttore Artistico

    Lerici, 26 marzo 2020

     

    Cari Amici,

     

    innanzi tutto mi auguro che stiate tutti bene .

    Immagino voi, come me, bloccati in casa ad affrontare la quarantena.

    Mi chiedo se anche voi state sognando ad occhi aperti, il momento in cui finalmente potremo riemergere da questa pandemia, in cui le Arti, come tanti altri aspetti della vita, hanno subito un gravissimo colpo.

    Gli spettacoli sono stati tutti annullati, i teatri chiusi, le orchestre messe a tacere e i più importanti festivals cancellati o rinviati a data da destinarsi.

    Dobbiamo essere ottimisti. Quando tutto questo sarà finito dovremo ricostruire.

    Ed io ora sono più che mai determinato a far sì che il Festival Suoni dal Golfo si svolga la prossima estate, certo che in quel momento potremo tornare a stare assieme, ad ascoltare musica e vivere con serenita’.

     

    Dobbiamo costruire ora il nostro futuro.

    Il nostro festival può e sarà importante per far ripartire la vita musicale,perché gli artisti possano tornare ad esprimersi e il pubblico godere del loro talento.

    Potremo finalmente riportare vita nel cuore della comunità di Lerici.

    Se gli artisti non lavorano,non si esprimono e l’arte muore.

    Per questo fare il festival è importante, e dare opportunità ai musicisti altrettanto.

    Quest’anno comporremo l’orchestra principalmente offrendo l’occasione di lavorare ai musicisti che dal febbraio scorso hanno perduto il lavoro. Se malauguratamente non potessimo organizzare il festival durante l’estate, costituiremo, con le risorse che stiamo cercando di raccogliere, un fondo a sostegno dei giovani musicisti in difficoltà e programmeremo un piccolo festival autunnale.

    E’ il nostro contributo al rilancio della musica e della vita e speriamo di essere esempio per altri.

    Voi, insieme a tanti altri, siete stati protagonisti di questa avventura nella mia bellissima cittadina.

    In questi seppur brevi tre anni di vita di “Suoni dal Golfo” abbiamo assistito ad eventi di rara bellezza, quale l’unione di giovani talenti in uno scenario da favola.

    Voglio condividere con voi le mie idee per la prossima estate.

    Le locations, il programma ed altri spunti.

    Voglio altresì chiedervi un aiuto per far sì che tutto questo possa avvenire il prossimo Agosto.

     

    Abbiamo grandi piani per il Festival 2020!

    Queste alcune delle novità della prossima edizione:

    • Stiamo per lanciare un sito “brand new” con un sistema di prenotazione e biglietteria online.
    • Siamo entusiasti di annunciare che quest’anno avremo un Teatro estivo con 300 posti nella piazza principale di Lerici.
    • A Villa Marigola, edificio storico di notevole bellezza, avremo i concerti di musica da camera ed altri eventi associati al Festival.
    • Il nostro programma celebrerà il 250° anniversario della nascita di Beethoven, iniziando una collaborazione triennale con EUFSC Foundation, che porterà da noi artisti del calibro di Daniel Lozakovich, Boris Andrianov, Philipp Kopatchevsky e Veronika Dzhioeva. L’inaugurazione del festival omaggerà Federico Fellini, e l’ultima serata vedrà sul palco due stelle di “Opera For Peace”, René Barbera e Rihab Chale.
    • stiamo organizzando un “Festival Fringe” con una serie di concerti della durata di 45 minuti circa, a ingresso libero. Questi si svolgeranno nei bellissimi paesi che circondano Lerici –Tellaro: Pugliola, La Serra, San Terenzo, Ameglia ed Arcola. Questi concerti non solo vogliono evidenziare la bellezza dei paesaggi che circondano Lerici, ma anche valorizzare il talento degli artisti che svolgeranno programmi di musica da camera ed altri repertori originali.
    • Infine, ci stiamo dando un nuovo nome: “LERICI MUSIC FESTIVAL” (Più semplice anche se meno poetico di “Suoni dal Golfo”!)

    Nel disastro che ha portato alla cancellazione di tanti eventi musicali e artistici, a festival di grande importanza e storia , noi possiamo essere l’eccezione e tenere accesa la fiamma della musica la prossima estate, essere uno dei pochi appuntamenti che si riuscirà a organizzare. Abbiamo il grande vantaggio di essere flessibili, di poter organizzare in poco tempo e cambiare e adattarci, magari spostando anche le date all’ultimo,grazie anche alla grande disponibilità e sostengo della città di Lerici.

     

    La nostra Orchestra per supportare musicisti in difficoltà.

    Abbiamo deciso di trasformare la nostra Orchestra, scegliendo di impiegare l’eccellenza italiana dei musicisti, professori d’orchestra che in molti casi purtroppo non godono di posizioni di lavoro a tempo indeterminato e di adeguate protezioni sociali.

    Con le difficoltà che le grandi orchestre hanno dovuto affrontare molti hanno perso tutte le giornate di lavoro,pensiamo che il nostro possa essere un seppur piccolo contributo che gli darà la possibilità di ripartire con il lavoro che amano.

    Per noi, questo è un atto di responsabilità sociale. Vorremmo essere d’esempio per gli altri festival in tutto il mondo.

    L’orchestra è il punto di forza del Festival, giovani talentuosi provenienti da tutto il mondo a fare un’esperienza ospiti della nostra comunità, ne sono sempre stati il cuore. Quest’anno riteniamo importante dare una opportunità principalmente a musicisti giovani e non solo per i quali il Festival possa essere una occasione di lavoro,trasformando i costi di viaggio e ospitalità , in salari.

    Torneremo poi compiutamente alla nostra filosofia, facendo anzi grazie alla scelta di quest’anno, un’accademia internazionale per giovani musicisti.

    Siccome è difficile pianificare il futuro, sentiamo sia importante mantenere l’organizzazione ed onorare l’impegno di tutte le figure coinvolte.

    Per fare questo abbiamo bisogno di un grande aiuto dai nostri sponsor. Siano essi persone fisiche, fondazioni ed istituzioni.

    Il governo italiano ci ha aiutato in passato, ma adesso è impegnato in una battaglia che richiede priorità.

    Oltre al supporto già ricevuto da Città ed altri donatori, abbiamo bisogno di raggiungere 150.000 euro. Con questa lettera, lancio quindi una campagna di raccolta fondi.

     

    Ho bisogno di aiuto per:

     

    30 persone che sponsorizzino un musicista, cui andranno 1.500 euro.

    10 sponsor per concerti che costeranno 5000 euro cad

    5 grandi sponsor per 10.000 ognuno

    un gruppo di amici che sottoscriva ricompense da 100, 250 o 500 euro

    Sto parlando e scrivendo a tante aziende, istituzioni , enti perché ci sostengano,la struttura tecnica del festival sta lavorando per cercare sponsor, ma è agli amici che chiedo un po' di aiuto ora ,per poter predisporre il “ festival ai tempi del corona virus”.

    Vi chiedo di prendere a cuore la nostra bella realtà ed aiutarci. So che molte persone sono sotto pressione finanziaria, in questi ultimi tempi, ma il vostro contributo, sia esso piccolo o grande, potrà davvero fare la differenza per noi.

    Vi prego di partecipare e diventare ambasciatori di Lerici.

    Potrete essere parte di qualcosa di magico, bello e soddisfacente e qualcosa che potrà portare speranza in tempi di grande incertezza.

    Vi prego di farmi sapere se sarete in grado di offrire qualunque livello di aiuto. Sarete i benvenuti se vorrete discutere telefonicamente con me circa quanto ho in mente.

    Faremo in modo di ridurre al minimo i costi amministrativi dell’organizzazione del festival ed assicurare che il massimo apporto di denaro sia girato ai musicisti.

    Il nostro famoso scrittore Sem Benelli disse di Lerici:

     

    “Beato o te… che riposi in pace nel Golfo dei Poeti”

     

    “Blessed are you… who repose in peace in the Gulf of Poets”

     

    Vediamo questo come un modo di aiutare la nostra Italia. Nel momento in cui scrivo, il paese sta soffrendo e combattendo nel caos causato dal Coronavirus. Questo è il nostro modo di costruire sula nostra cultura e patrimonio e l’accoglienza italiana ha sempre confortato i molti visitatori che affollano l'Italia per godere della sua bellezza.

    La musica unisce le persone. E’ guaritrice, è ispiratrice.

    Guardate in questi momenti, quante sono le persone che cantano dai loro terrazzi,si ritrovano idealmente assieme e lo fanno con ciò che parla direttamente al cuore ,la musica.

    Persone chiuse in casa, le nostre grandi compagnie di opera mettono a disposizione le loro risorse gratuitamente.

    Amici, la musica ha bisogno di voi, l’arte ha bisogno di voi, Lerici ha bisogno di voi.

    Registratevi per supportarci in qualunque modo vi sia possibile e abbiate a cuore il nostro Festival.

     

    Con affetto e stima,

     

    Gianluca Marcianò

     

     

    Per aggiornamenti e maggiori informazioni:

    Finchè non sarà on line il nostro nuovo sito, ci potrete trovare su:

    www.suonidalgolfo,com (qui un link alla pagina in cui si può contribuire)

    Facebook (Associazione culturale Suoni dal Golfo)

    Instagram: suonidalgolfo

  • Quando Sem Benelli definì Golfo dei Poeti il luogo su cui Lerici si affaccia, ne sottolineò la storia, da Byron a DH Lawrence a George Sand, agli Shelley che vi avevano abitato, ma ne indicò anche le ragioni per cui molti artisti e intellettuali, prima e dopo di loro, lo hanno scelto per vivervi parte della loro vita, luogo dell’anima e della creatività.

     

    E’ il luogo a essere poetico, la luce, il silenzio, il paesaggio, il ritmo della vita, il rapporto tra il mare e la montagna, il clima e la dolcezza del vivere che portano a guardare la vita con profondità, affetto e disincanto nel momento stesso in cui la si ama e canta.

     

    La Musica ha qui quindi un luogo naturale che la esalta, come una cassa di risonanza dell’anima e del bello.

     

    Il Festival Suoni dal Golfo nasce da questa storia e da quell’humus culturale trae ispirazione.

  • Fondatore e Direttore artistico

    Gianluca Marcianò

    Direttore d'orchestra

    Gianluca Marcianò è un direttore d'orchestra italiano promotore della cultura musicale ed operistica italiana nel mondo. Già Direttore principale dell'Armenian State Opera di Yerevan, Direttore Artistico del Festival Al Bustan di Beirut, nominato Direttore Musicale del Teatro dell'Opera Nazionale di Novi Sad, in Serbia. Collabora regolarmente con i teatri d'opera di Oviedo, Vilnius, Minsk, Yerevan, e nel Regno Unito, English National Opera, Longborough Opera Festival e Grange Park Opera dove ha appena diretto Tosca per l'inaugurazione del nuovo teatro di Horsley.

     

    Giovane pianista prodigio, Gianluca si è laureato in Scienze Politiche ad indirizzo storico prima di immergersi nel mondo della direzione d'orchestra. Assieme al violista russo Maxim Novikov ha creato Orchestra Excellence che offre a giovani musicisti provenienti da tutto il mondo l'opportunità di vivere un'esperienza professionale di respiro internazionale nell'ambito del Festival Suoni dal Golfo da lui fondato nella sua città natale, Lerici (Liguria).

  • FESTIVAL

    We've got a top notch team!

  • TEATRO ASTORIA

     

    2019

    Sfoglia il libretto!

     

    2020

    con la direzione artistica di Giuseppe Bruno, Valentina Renesto, Gianluca Marcianò

     

    promossa dal Comune di Lerici e dall'Associazione culturale Suoni dal Golfo

     

    23 GENNAIO 2020, ORE 21

    DIALOGHI INEDITI/1

     

    Paolo Carlini, fagotto

    Gabriele Pieranunzi, violino

    Musiche di Paganini, Solbiati, Corghi, De Rossi Re

     

     

    Inaugurare la seconda stagione concertistica con due esimi rappresentanti di prestigiose istituzioni musicali italiane, è un onore: il M° Carlini, I° fagotto dell'ORT Orchestra della Toscana e il M° Pieranunzi, primo violino - incarico affidatogli per chiara fama - dell'orchestra del Teatro San Carlo di Napoli. Vi sarà dunque l'opportunità di ascoltare una formazione strumentale peculiare, potendone apprezzare a pieno timbri, colori e impasti, di scoprire il Paganini camerista e le musiche di grandi esponenti della musica italiana contemporanea. Alessandro Solbiati è una delle voci protagoniste del programma Lezioni di Musica di Radio Tre.

    27 FEBBRAIO 2020, ORE 21

    LORD BYRON'S GRAND TOUR

     

    Betty Makharinsky, soprano

    Pavel Timofeyevsky, pianoforte

     

     

    A fine Settecento, per i giovani, il viaggio alla scoperta delle culture e delle genti d'Europa, era considerato un necessario passaggio di formazione. Byron si ritrovò, per una serie di circostanze, a volgere il Grand Tour in chiave mediterranea: Italia, Grecia, Spagna... Frutto di un'affascinante ricerca musicologica, il programma del concerto propone, tradotte in musica, le tappe del suo affascinante viaggio

    12 MARZO 2020, ORE 21

    IL ROMANTICISMO DI LISZT E FRANCK

     

    Federica Severini, violino

    Pier Carmine Garzillo, pianoforte

    Musiche di Liszt e Franck

     

     

    Due giovani e bravissimi strumentisti in un programma che affianca al pezzo forse più celebre del repertorio tardoromantico (La Sonata di Franck) il più grande lavoro cameristico di Liszt, che di Franck fu l'ispiratore. Un programma fatto di virtuosismo e passione.

    9 APRILE 2020, ORE 21

    DIALOGHI INEDITI/2

     

    Sanja Romic, oboe

    Milica Pasic, arpa

    Musiche di Clara Schumann, Debussy, Fauré, Saint-Saens, Ibert, Piazzolla

     

     

    Due bravissime artiste serbe in un duo molto insolito. A parte Piazzolla e Clara Wieck-Schumann, il programma è tutto francese e legato a compositori che sono stati in stretto rapporto tra loro. Come è logico per un duo oboe-arpa, quasi tutto è riscrittura e trascrizione. Questo non è un limite, anzi permette di ascoltare composizioni anche molto note in una luce totalmente nuova e affascinante.

    7 MAGGIO 2020, ORE 21

    BEETHOVEN 2020

     

    Shinnosuke Inugai, pianoforte

    Musiche di Beethoven

     

     

    Premiato al Concorso Beethoven di Bonn, Shinnosuke Inugai uno degli artisti più importanti della sua generazione. Con lui rendiamo omaggio al grande compositore nel 250° anniversario della nascita, un modo particolarmente appropriato per riscoprire quanto Beethoven sia ancora in grado di comunicare con noi in una maniera che non cessa di sorprenderci.

     

     

     

     

    BIGLIETTERIA: E' possibile acquistare i singoli biglietti negli orari di apertura del Cinema-Teatro Astoria e il giorno stesso del concerto, a partire dalle ore 17.00

    E' altresì possibile la prenotazione telefonica, tutti i giorni, dalle 15 alle 19, al numero 3485543921

     

    LA CAMPAGNA ABBONAMENTI INIZIERA' IL GIORNO 26 NOVEMBRE 2019 E TERMINERA' IL GIORNO 23 GENNAIO 2020, E PER TUTTO IL PERIODO SEGUIRA' GLI ORARI DI APERTURA DEL CINEMA-TEATRO ASTORIA.

     

    Biglietto intero: 15 euro

    Ai titolari di abbonamento ordinario verrà applicata la riduzione del 10% sul costo previsto per ciascuna categoria di biglietto del Festival Suoni dal Golfo 2020.

    abbonamento ordinario: 60 euro

     

    Biglietto ridotto: 10 euro

    riservato a persone under 26, over 65 e ai soci Lega Navale Italiana

     

     

     

     

  • Seguici sui social oppure scrivici!